Si mette male per Dazn: troppi problemi da risolvere

 Si mette male per Dazn: troppi problemi da risolvere


Il campionato di calcio italiano è iniziato e i tifosi sono tornati a trascorrere il weekend allo stadio o sul divano ad ammirare e a supportare la squadra del cuore. 

Dopo un anno in standby, a causa del Covid-19 che ha stravolto le abitudini di ognuno e di conseguenza anche del mondo calcistico, è arrivato il momento di tornare in campo, rispettando i protocolli e le regole imposte. 

C’è però una novità, sarà possibile seguire la Serie A solo attraverso Dazn, il servizio a pagamento streaming. Il campionato è iniziato da un paio di settimane e gli utenti già riscontrano alcuni problemi. Dunque non ci resta che capire di cosa si tratta e analizzare tutti gli aspetti del sistema.

Dazn: dalle origini ad oggi

Prima di affrontare le problematiche del servizio, è doveroso capire di cosa si tratta e come è nato Dazn. Esso è un sistema a pagamento di video streaming online, usufruibile  sia in diretta che on demand, di tutti gli eventi sportivi. 

E’ nato l’8 luglio 2015 a Londra dal Dazn Group, società globale di media sportivi, ed attualmente è disponibile in trenta paesi come l’Italia, la Germania, Canada, Svizzera, Austria e tanti ancora.

Per quanto riguarda l’Italia, si è parlato per la prima volta di Dazn il 1° luglio 2018, quando venne trasmessa in esclusiva tutta la serie B e a turno tre partite della Serie A. Inizialmente Mediaset Premium garantì agli utenti il prezzo solito senza ulteriori variazioni rendendo accessibili anche le partite di Dazn. 

Qualche giorno dopo, precisamente il 23 luglio 2018, Sky Italia e Dazn presero accordi affinché venisse incluso il servizio sulla piattaforma Sky Q, appena nata. Anche quella cerchia di utenti avrebbe potuto vedere le tre partite di Serie A e la serie B, senza alcun aumento di prezzo.

In ogni caso fino ad oggi si è potuto usufruire di Dazn anche solo attraverso i dispositivi abilitati quali cellulari, tablet e computer senza essere obbligati ad acquistare Sky Q.

Il servizio era utilizzabile solo con l’uso di un account personale ed attivo tramite un codice di acquisto di terze parti a pagamento.

Il 26 marzo 2021 per Dazn è stata una data speciale: l’azienda inglese si è aggiudicata i diritti dell’intero campionato di Serie A per il triennio 2021-2024, di cui 266 in esclusiva e 114 in condivisione con Sky.

Quindi a partire dalla stagione in corso, vale a dire 2021-2022, l’emittente ha iniziato a trasmettere tutte le partite. Inoltre manderà non in esclusiva, gli incontri dell’Europa League e alcune partite della Conference League.

Dazn: offerte e attivazione

Settembre è appena iniziato e molti utenti si sono convinti a registrare su Dazn per seguire in diretta le partite della Serie A. La piattaforma può trasmettere sette partite in esclusiva per ogni giornata di campionato e sulla co-esclusiva delle altre tre partite, emesse anche da Sky. 

Iscriversi al servizio è molto semplice: basterà attivare un tipo di abbonamento prepagato senza vincoli. Il costo è di 29,99 euro al mese e non è previsto nessun costo di attivazione. 

Inoltre qualora non si voglia più usufruire del servizio, basterà disattivare l’account e quindi non rinnovare l’abbonamento mensile, senza alcuna penale. Dunque non ci sono addebiti di uscita.

Basterà disattivare il rinnovo, che solitamente avviene automaticamente e usufruire della piattaforma Dazn fino all’ultimo giorno del periodo prepagato. 

Inoltre gli utenti avranno la possibilità di accedere alla piattaforma attraverso due dispositivi contemporaneamente con un singolo account. 

Chi possiede Tim vision calcio e sport, con lo stesso prezzo solito potrà guardare le partite di Serie A e quelle non in esclusiva dell’Europa League e Conference League. 

I primi problemi su Dazn e le possibili soluzioni

E’ appena iniziata la nuova stagione di Campionato i problemi non mancano. Già per la prima partita su Dazn, precisamente Inter-Genoa, gli utenti registrati su Dazn avevano riscontrato delle difficoltà nel seguire il match a causa di interruzioni continue. 

Le stesse problematiche si sono ripetute anche per la partita tanto attesa, Napoli- Juventus. Addirittura si sono verificati quattro minuti di blocco e la qualità delle immagini è stata pessima. 

Inizialmente l’azienda ha affermato che fosse solo una fase iniziale di assestamento e che i problemi si sarebbero risolti il prima possibile. 

La Camera dei Deputati voterà per invitare il servizio Dazn a migliorare, sono queste le parole di Massimo Capitanio, deputato della Lega

Dopo l’audizione di Agcom richiesta dalla Lega, la commissione Trasporti e Comunicazione della Camera ha concordato di votare la prossima settimana una specifica risoluzione per invitare la piattaforma a offrire un servizio migliore e, soprattutto, a dare ascolto alle tante sollecitazioni degli utenti. 

E poi ha aggiunto 

Dazn ha pubblicato sul proprio sito una carta di servizi non pienamente conforme alle normative vigenti che sono contenute in una serie di direttive di Agcom con particolare riferimento ad alcuni obblighi in materia di trasparenza e di informazione, di indennizzi, di reclami e di assistenza clienti. 

C’è poi un altro problema, quello che riguarda gli ascolti. Sembra che per le prime giornate di campionato, non siano state adottate le misure standard per misurare lo share e i dati. Sia su Auditel che su Nielsen, l’azienda dovrebbe seguire un protocollo valido per entrambi e a livello internazionale. 

Anche in questo  caso si è espresso Giacomo Lasorella, Presidente dell’Autorità per le garanzie nelle comunicazioni che ha affermato 

L’autorità ha adottato una delibera che attiene al nuovo processo di digitalizzazione al fine di rilevare le proprie audience in trasparenza. La sfida è la misura della total audience, che comprende tutti i dispositivi digitali. L’autorità ha stabilito che ci sia una rilevazione uniforme. Attualmente gli ascolti di Dazn sono rilevati da Auditel per la tv e da Nielsen per gli altri dispositivi.

Così per verificare i sistemi di misurazione, l’Agcom il 9 settembre ha adottato una delibera affinché venga garantita la corretta rilevazione.

Non è tardata ad arrivare la risposta di Dazn che, secondo quanto si legge su techprincess.it

I risultati delle indagini sono pubblicati su base settimanale e forniscono informazioni sui dati di ascolto minuto per minuto e sulle visualizzazioni di ogni spot andato in onda, altro aspetto fondamentale per il settore.

Inoltre l’azienda ha voluto specificare che i dati di ascolto e share sono in continua crescita e che nell’ultimo appuntamento sono stati superati i 6 milioni di utenti.

La Lega dal canto suo è favorevole a lasciare ulteriore tempo all’azienda inglese, ma il 27 settembre l’Associazione Utenti Pubblicitari terrà un consiglio straordinario per analizzare la situazione. 

L’Adiconsum avrebbe già la soluzione: 

Estendere la trasmissione ad un’altra piattaforma televisiva. 

 Mauro Vergari, direttore Ufficio Studi Innovazioni e Sostenibilità dell’Associazione ha ribadito:

La situazione è ormai paradossale e necessita di urgenti provvedimenti che le Autorità devono prendere velocemente. C’è tempo per chiedere risarcimenti o carte dei servizi o assistenza clienti o addirittura nuove legge più appropriate, ma ora è necessario solo garantire la visione del campionato”

Dazn: perché i dati sono così importanti?

Di conseguenza, meno ascolti ci sono e meno possibilità di acquisire pubblicità c’è per Dazn. La società inglese non deve compiere passi falsi, visto che per i prossimi tre anni è riuscita a conquistare i diritti della Serie A per 840 milioni di euro. 

Al mercato pubblicitario sono legate anche le venti squadre di Serie A, vale a dire che i ricavi inerenti al numero di ascolti a fine stagione dovrebbero esseri spartiti. Se lo share non cresce, ciò non sarà possibile e per la Lega Calcio potrebbero insorgere altri problemi. 

Dazn: prossimi appuntamenti 

Intanto, tra problemi e possibili soluzioni, siamo giunti alla quarta giornata di Campionato. Scopriamo insieme quali sono le partite di questo weekend. 

  • Venerdì 17 settembre 2021: Sassuolo-Torino, ore 20.45.
  • Sabato 18 settembre 2021: Genoa-Fiorentina, ore 15.00; Inter-Bologna, ore 18.00; Salernitana-Atalanta, ore 20.45.
  • Domenica 19 settembre 2021:Empoli-Sampdoria, ore 12.30; Venezia-Spezia, ore 15.00; Hellas Verona-Roma, ore 18.00; Lazio-Cagliari, ore 18.00; Juventus-Milan, ore 20.45.
  • Lunedì 20 settembre 2021: Udinese-Napoli, ore 20.45. 

Dazn: altri sport sulla piattaforma

Dazn non è solo calcio, ma anche numerosi sport da seguire con passione ed enfasi. Innanzitutto oltre alla Serie A, è possibile godersi il calcio femminile e altre coppe internazionali. 

In secondo luogo gli appassionati di motori potranno concentrarsi sul Motomondiale: tutte le prove libere, le qualifiche e le gare di MotoGP, Moto2 e Moto3, oltre a tutti gli approfondimenti. 

Poi ancora Indycar Series, il campionato automobilistico statunitense per macchine a ruote scoperte; per non parlare di Pallavolo, Boxe, Nfl, Darts, Eurosport.

A questi sport appena elencati, si aggiungono inoltre anche molti documentari esclusivi e prodotti da Dazn e i canali Eurosport 1 HD e 2 HD dove poter godere di grandi eventi del tennis e del ciclismo.

Insomma c’è proprio tutto e se tutto funzionasse come dovrebbe e secondo le aspettative dei clienti, la piattaforma Dazn sarebbe un leader del settore, ma prima di diventarlo dovrà fare i conti con problematiche da risolvere affinché gli utenti registrati non facciano un passo indietro e quelli intenti ad usufruirne facciano un passo avanti.

Redattrice online, classe 1995.
Meteorina e conduttrice per Yeslifetg, redattrice online presso il sito Yes Life magazine e Ultima parola. Mi sono laureata in lettere moderne presso l’ Università degli studi di Roma Tre e in Media comunicazione digitale e giornalismo presso l’ Università degli studi di Roma La Sapienza.
Ho appena terminato un corso di giornalismo presso la scuola New journalism generation dove ho appreso competenze riguardanti il SEO, WordPress e Google Analitycs. Adoro intervistare le persone e scoprire nuove storie da raccontare.
Determinata, curiosa, sempre pronta a mettermi in gioco.
Il mio motto? “Gossip, cronaca o attualità, quel che conta è la dinamicità”.



Source link

Redazione

Related post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: