I produttori italiani di Prosecco affermano che l’esenzione fiscale del bilancio del Regno Unito intaccherà le esportazioni

 I produttori italiani di Prosecco affermano che l’esenzione fiscale del bilancio del Regno Unito intaccherà le esportazioni


L’enologo italiano Giorgio Bolegado ha aperto la sua bottiglia di Prosecco questa settimana e ha dato un grande impulso alla sua attività grazie allo sgravio fiscale – è stato annunciato a Londra, non a Roma.

Rishi Sunak, il presidente britannico responsabile delle finanze pubbliche, ha annunciato che cambierà il complesso sistema fiscale britannico sull’alcol.

Una delle tante ricompense finanziarie per l’elettorato britannico, è stato un aiuto del governo pro – Brexit di Boris Johnson ai produttori italiani di broccoli, cava spagnolo o champagne francesi i cui prodotti sarebbero diventati più competitivi. Sunak ha detto che il prezzo sarebbe 87p inferiore al prezzo di una normale bottiglia di Prosecco.

Bolegado, che gestisce l’azienda vinicola di famiglia con suo fratello dal 1987, ha salutato l’annuncio come un’ulteriore buona notizia per un settore che è stato pesantemente sfidato dalla Brexit e dall’epidemia, ma che ora sta registrando un’impennata delle vendite.

“Questa è un’ottima notizia, dopo molti mesi burrascosi, tra l’epidemia e tutti i problemi logistici e i costi aggiuntivi del Regno Unito che lascia l’UE”, ha affermato. “Una volta implementati, [the measures] Aumentare il valore di un articolo che comprende una lunga catena di piccoli produttori locali. È incoraggiante”.

Fino al 2019, il Regno Unito era il più grande mercato di esportazione per il Prosecco italiano Posizione di origine Classificazione, un alcolico deve soddisfare gli standard di qualità definiti. 100 milioni di bottiglie spedite nel Regno Unito rappresentano il 20% delle esportazioni totali di DOC.

Le vendite sono scese a 80 milioni di bottiglie entro il 2020 a causa di epidemie, difficoltà di trasporto e costi aggiuntivi associati a Brexit e problemi di sdoganamento.

“Ora possiamo vedere un futuro luminoso”, ha detto Bolegado, di Refrandolo nel nord-est dell’Italia.

Giorgio Bolegado ha salutato l’annuncio del budget del Regno Unito come un’altra buona notizia per un settore che è stato testato dalla Brexit e dalle sanzioni indotte dall’epidemia, ma che ora sta godendo di un’impennata delle vendite.

La riforma fiscale del Regno Unito del febbraio 2023, che Sunak ha definito una revisione più seria della tassa vecchia di oltre 140 anni, segna una deviazione dai requisiti dell’UE sulle accise. L’eliminazione del premio sugli spumanti concorda sul fatto che gli spumanti come il Prosecco non riguardano più il consumo di lusso.

“È chiaro che non sono più la protezione dell’élite ricca”, ha detto Sunak.

Miles Peel, amministratore delegato della Wine & Spirit Trade Association of England, ha dichiarato: “Il settore è certamente ripreso, ma dipende dall’azienda, dal paese o dal tipo di vino. Se sei un produttore di Prosecco, questa è un’ottima notizia, soprattutto se esporterai nel Regno Unito, un mercato importante e giusto per il vino”.

Sebbene la quota di mercato sia diminuita dal referendum sulla Brexit nel 2016, il Regno Unito rimane il miglior mercato di esportazione per i produttori di champagne francesi, anche se i vigneti di champagne del 2021 sono stati colpiti dal gelo, ma le vendite sono diminuite. Recuperato dopo l’infezione.

David Satillon, presidente dell’Union des Mises de Champagne francese, che rappresenta grandi marchi come Moët & Chandon di LVMH e Veuve Clicquot.

Il Prosecco aveva già fatto notizia durante la guerra commerciale tra il Regno Unito e l’Unione europea prima della Brexit. Nel 2016, l’allora ministro dello Sviluppo economico italiano Carlo Calenda ha accusato Johnson di “insultare” il suo Paese, suggerendogli di sostenere la versione del suo accordo sulla Brexit o di perdere le vendite del Prosecco. Calenda disse a Johnson – allora Segretario di Stato del Regno Unito – che la Gran Bretagna avrebbe venduto meno fish and chips.

Michele Costabile, professore di marketing presso l’Università LUISS di Roma, ha affermato che i cambiamenti nel Regno Unito aiuterebbero a mantenere buoni rapporti con altri paesi. “A livello internazionale, è chiaro che la Gran Bretagna non è interessata a coprirsi [and] Il commercio tra Regno Unito, Francia, Italia e Spagna, dallo champagne al whisky, infligge multe alla categoria di prodotti più forte.

Rapporto aggiuntivo di Sarah White e Domitil Alain a Parigi



Source link

Redazione

Related post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: