Gaeta, Intergroup – Tavola rotonda per lo sviluppo del Lazio Meridionale⁹ » Tuttogolfo

 Gaeta, Intergroup – Tavola rotonda per lo sviluppo del Lazio Meridionale⁹ » Tuttogolfo



Gaeta – Di seguito il comunicato stampa dell’Intergroup: “Nella cornice del Grand Hotel Villa Irlanda, Intergroup, leader nel settore logistica integrata dal 1986, ha organizzato una tavola rotonda con relatori delle più importanti associazioni e aziende del settore che ha avuto come oggetto il futuro dell’economia nel Lazio meridionale.

Dopo il saluto istituzionale del vicesindaco di Gaeta Angelo Magliozzi e Pietro Di Sarno, Amministratore Delegato Intergroup, e la presentazione sul ruolo del porto a sostegno del sistema produttivo del territorio a cura di Arianna Buonfanti, Maritime Economy Observatory di SRM, sono stati chiamati a confrontarsi, moderati dal giornalista Bruno Dardani, Pino Musolino, Presidente ADSP Mar Tirreno Centro Settentrionale, Amm. Aurelio Caligiore, Capo R.A.M. Cap. porto – Guardia Costiera Ministero della Transizione Ecologica; Stefano Nigro, Attrazione Investimenti Esteri Italian Trade Agency;  Umberto Ruggerone, Presidente Assologostica e Gabriele Vargiu, Institutional Relations – Italy CNH Industrial,  Francesco Borgomeo, Presidente Unindustria Cassino;

L’occasione dei 35 anni di attività dell’azienda, ha portato ad organizzare l’evento a cui hanno preso parte oltre 100 significative aziende nazionali ed internazionali.

L’evento è stato organizzato in occasione del termine dei lavori nel nuovo Porto di Gaeta, da parte dell’ADSP del Mar Tirreno Centro Settentrionale, e dell’inaugurazione del Green&Blue Terminal, dedicato alla circular economy, che noi di Intergroup abbiamo appena ultimato con coraggio e come volontà di investire ulteriormente sul territorio. Il nuovo Porto di Gaeta grazie all’approfondimento dei fondali, che consentono l’arrivo di navi transoceaniche, alle nuove banchine ed ai nuovi piazzali infrastrutturali diventa in questo modo un importante gate per le esigenze e la competitività del Lazio Meridionale sui mercati mondiali.

L’incontro si è focalizzato sul futuro dei porti del Lazio in generale, ma con un breve focus sul porto Gaeta che oggi rappresenta, a seguito di cospicui investimenti pubblici concretizzatisi negli ultimi anni, un’infrastruttura che si candida a diventare opportunità di sviluppo per il territorio e le imprese di riferimento. Il porto si rivolge al bacino commerciale della provincia di Latina, alle zone industriali di Colleferro, Anagni, Ceprano e Cassino in provincia di Roma e Frosinone, oltre a zone dell’Abruzzo, del Molise.

Affinché tali prospettive si realizzino completamente, sarà però necessario una valorizzazione ed un ulteriore potenziamento degli investimenti finora effettuati soprattutto in termini di adeguata viabilità e servizi di logistica innovativa, nonché un sinergico coordinamento tra tutti gli attori coinvolti, dall’Autorità di Sistema Portuale del Mar Tirreno Centro Settentrionale alla Regione Lazio, dalle Province e Comuni ai privati.

A tal proposito l’amministratore Pietro Di Sarno, ha sottolineato l’importanza del traguardo raggiunto dell’azienda: “Quella di oggi è una platea significativa che siamo riusciti ad accogliere nel nostro Golfo. Oggi dopo 35 anni di attività possiamo affermare con certezza che la nostra è una presenza molto forte sul territorio nazionale ed internazionale. Abbiamo investito fortemente sul nostro territorio e continueremo a farlo. Sono previsti infatti, ulteriori 35mln di euro per rendere il porto di Gaeta più competitivo. Gaeta – ha proseguito nel suo intervento – ha sempre avuto un’anima commerciale e grazie ad alcuni clienti/amici e ad Intergroup daremo finalmente vita e respiro a quest’anima. Possiamo infatti dire con certezza che grazie al dialogo che ormai si è instaurato con il presidente Musolino e in secondo luogo per rispondere ad un’esigenza di mercato, che fino ad oggi si è rivolta ad altre realtà portuali per mancanza di disponibilità sul nostro territorio”.

Soddisfazione espressa anche dal vicesindaco Magliozzi che nel suo intervento, ha voluto porre l’accento sulla forza lavoro e l’economia cittadina che l’azienda è riuscita a muovere: “Una giornata importante per Gaeta, per questo come amministrazione siamo ben lieti di aver preso parte all’evento perché siamo convinti che lo sviluppo del porto di Gaeta vuol dire sviluppo della città, occupazione e ricchezza. L’augurio è di poter uscire quanto prima da questo periodo di crisi e che possano ripartire gli investimenti nel porto di Gaeta. Grazie a società come Intergroup contribuiscono a creare occupazione e dare benessere alla città che da sempre ha creduto in questo territorio con i suoi numerosi investimenti”.

Dello stesso avviso è stato il presidente dell’ADSP del mar Tirreno centro settentrionale Pino Musolino, che ha ribadito quanto sia importante il dialogo tra pubblico e privato. Dialogo che si traduce in collaborazioni costruttive e crescita sia dei vari enti coinvolti, sia della città stessa: “L’autorità portuale non si è mai risparmiata – ha proseguito Musolino – non da ultime le opere che siamo riusciti a concludere nella città di Gaeta: dalla rotatoria di ingresso alla città, al completamento della struttura del mercato ittico. Con un partner poi come Intergroup la portualità di Gaeta può davvero puntare a trarre enormi benefici, che si traducono in crescita e competitività, non a caso l’autorità portuale ha finora investito su questo porto quasi 100 milioni di euro”.

Il dibattito al centro della giornata odierna ha infatti fatto emergere luci e ombre, limiti e percorsi coraggiosi per il rilancio del territorio grazie alla possibilità di poter dialogare con moltissimi partner, molti dei quali presenti al tavolo dei relatori.

Molti, infatti, come la dottoressa Bonfanti, hanno sottolineato l’enorme crescita che l’economia ha avuto, dopo la stangata subita post covid-19: “I numeri parlano di una crescita importante e diffusa a livello italiano, quindi direi che è un momento importante per aziende come Intergroup che hanno investito molto e hanno creduto nelle potenzialità logistiche del territorio”.

“Un’iniziativa importante per l’intermodalità della logistica italiana – ha aggiunto Gabriele Vargiu, Institutional Relations – Italy CNH Industrial – la nostra azienda rappresenta un partner per tutto ciò che riguarda il passaggio dalla nave al trasporto su gomma. Il porto di Gaeta può e deve svilupparsi anche infrastrutturalmente anche guardando le nuove tecnologie, la digitalizzazione e l’intermodalità tra le varie forme di trasporto, ma soprattutto per quanto riguarda le energie alternative quali l’uso del gnl e l’idrogeno, che poi sono interscambiabili con le tecnologie utilizzate per il trasporto stradale”.

E di energie sostenibili ha parlato anche l’ammiraglio Caligiore, che ha sottolineato l’esigenza di avere un porto “green” colmando un gap che ancora persiste con le realtà del nord Europa: “Affinché questo possa essere realizzato anche qui in Italia, occorre avere delle infrastrutture portuali, ad esempio le elettrificazioni delle banchine, affinché le navi possano rifornirsi di elettricità direttamente dalla banchina”.

“Il nostro nuovo intento è quello di essere presente sui territori – ha spiegato Umberto Ruggerone, Presidente Assologostica – e questo territorio è in una fase di espressione massima della logistica, e questo nuovo porto è il viatico migliore per crescere. La logistica è composta da tanti anelli e questi anelli devono essere fatti tutti delle stessa portata e potenza, perché questo avvenga è necessario avere un approccio di sistema, quindi guardare l’intera filiera, che composta da tanti fattori e attori che determinano la crescita di un territorio”.

“La logistica e il lavoro che l’intergroup fa per migliorare la comunicazione e il trasporto delle merci è fondamentale per l’attività dell’Ice, perché coniuga l’esigenza delle imprese di andare all’estero e dall’altra attrae investimenti degli industriali che vogliono investire in zone ben connesse”, ha aggiunto Stefano Nigro.  

Intergroup

Con baricentro nei porti di Roma, Oristano e presente in tutta Italia con 7 piattaforme distributive Intergroup offre soluzioni logistiche a 360° (trasporti nazionali ed internazionali, terminal portuali, freight forwarding, magazzinaggi, packaging, trading e distribuzione di materie prime). L’attenzione verso le innovazioni del settore, la passione e dedizione consentono dal 1986 di anticipare le esigenze dei clienti, di adattarsi positivamente ai cambiamenti circostanti e di rispondere con rapidità alle molteplici opportunità di business che si presentano, avendo il vantaggio e il supporto delle radici familiari che da sempre aiutano e sostengono le attività e le scelte più difficili.

Una coesione che ha portato nel corso degli anni un ampliamento della sede, sbarcando nel 2016 a Londra ampliando il business a livello internazionale. Da sempre Intergroup è per tutti i membri del team un progetto di cui essere fieri e in cui continuare ad investire con tenacia ed energia ma che non sarebbe mai diventato realtà senza l’entusiasmo, il sostegno e la capacità degli uomini e delle donne che dal 1986 vi hanno collaborato, senza la fiducia dei clienti e dei partner che sin dal primo giorno hanno creduto nel progetto e senza il silenzioso supporto di tutta la famiglia divenuta punto di riferimento per le comunità in cui opera.”



Source link

Redazione

Related post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: