Estate 2021: le mostre nelle Marche e in Abruzzo

 Estate 2021: le mostre nelle Marche e in Abruzzo


Pesaro, Fano, Urbino, Senigallia Montesilvano, Pereto: ecco alcune destinazioni in cui trovare mostre di qualità e scoperte sorprendenti, tra arte antica e contemporanea.

Ideali per lo più per chi cerca la tranquillità e la conciliazione con la natura, Marche e Abruzzo sono da sempre destinazioni di pace e relax, ma anche ricche di borghi e percorsi da scoprire, capaci di coniugare la bellezza delle loro coste con la ricchezza dell’entroterra. Ecco allora alcuni consigli a tema arte se siete in vacanza in queste zone, che per l’estate 2021 riservano mostre di grandi maestri del passato, fino ai nuovi linguaggi della contemporaneità.

– Giulia Ronchi

1. SUL FILO DI RAFFAELLO ALLA GALLERIA NAZIONALE DELLE MARCHE

Quale rapporto intercorre tra Raffaello e la tessitura? La mostra Sul filo di Raffaello indaga l’eredità lasciata dall’Urbinate nel mondo dell’arazzo, con sperimentazioni e soluzioni innovative. Dodici grandiose pezze tessute nelle migliori arazzerie europee, raffiguranti principalmente le pitture delle Stanze Vaticane, per un percorso che culmina nel salone del Trono del palazzo di Federico di Montefeltro: qui il visitatore vi troverà squadernati, grazie all’allestimento curato dagli architetti della Galleria Nazionale delle Marche, i celebri affreschi che Raffaello ha realizzato a Roma, proposti nei colori e negli intrecci delle tessiture.

Sul filo di Raffaello
Fino al 12 settembre 2021
Galleria Nazionale delle Marche – Palazzo Ducale
Piazza Duca Federico, 107, Urbino
http://www.gallerianazionalemarche.it

2. DAVIDE MANCINI ZANCHI E SILVIA CAPUZZO A PESARO

Davide Mancini Zanchi, MIRA IL MARE MÀ LË

È luglio ormai, e sarebbe terribile se a Pesaro non ci fosse il mare”: così esordisce la presentazione della mostra MIRA IL MARE MÀ LË (un mix giocoso di spagnolo, italiano e dialetto urbinate, traducibile con “guarda il mare lì”), a cura di Marcello Smarrelli, alla Fondazione Pescheria di Pesaro: si tratta della personale di Davide Mancini Zanchi, con opere ispirate a luoghi specifici della città di Pesaro, incentrata sulla riflessione sul rapporto tra natura e artificio. A pochi passi dal centro espositivo, non perdete GRAUER RAUM, la mostra di Silvia Capuzzo allo Spazio Bianco (spazio pubblico per la fotografia e l’immagine della Fondazione Pescheria). A cura di Alberto Zanchetta, promossa dalla Fondazione Pescheria e dal Comune di Pesaro, il percorso è costituito da una serie di opere realizzate tra il 2020 e il 2021, che traggono spunto da fotografie trovate casualmente dall’artista navigando sul web.

Davide Mancini Zanchi, MIRA IL MARE MÀ LË
Fino al 3 ottobre 2021
Fondazione Pescheria
Via Cavour, Pesaro


Silvia Capuzzo, GRAUER RAUM
Fino al 28 agosto 2021
pazio Bianco
Via Zongo, Pesaro
https://www.fondazionepescheria.it/ 

3. UNA COLLETTIVA ALLA ROCCA MALATESTIANA DI FANO

Fortuna instabile quasi possibile, Rocca Malatestiana, Fano

Lidia Bianchi, Silvia Bigi, Oscar Contreras Rojas, Jingge Dong, Rachele Maistrello, Sophie Westerlind sono gli artisti coinvolti nella collettiva Fortuna instabile quasi possibile, presso la Rocca Malatestiana di Fano. Una rassegna che si sviluppa nei luoghi meno accessibili della struttura quattrocentesca, dalle cellette e dalle cappelle della corte centrale alla galleria delle prigioni, scaturita da un lavoro di ricerca svolto durante una residenza dei mesi scorsi e condotto dagli artisti assieme a professionisti di disparati ambiti professionali. La mostra si ispira, fin dal titolo, agli “equilibri instabili quasi impossibili” dell’opera del maestro marchigiano Eliseo Mattiacci, ed è concepita come omaggio e atto di restituzione artistica nei confronti del territorio e della sua comunità.

Fortuna instabile quasi possibile
Fino al 18 agosto 2021
La Rocca Malatestiana di Fano, Pesaro Urbino
https://www.clp1968.it/mostra/ 

4. GIACOMELLI E BURRI A SENIGALLIA

Giacomelli Burri. Fotografia e immaginario materico

Fotografia e immaginario materico, affinità e discrepanze tra due figure storiche dell’arte italiana del Novecento. Il maestro della fotografia si confronta con quello della pittura: in Giacomelli / Burri, presentato da Senigallia Città della Fotografia, Museo MAXXI, Fondazione Palazzo Albizzini Collezione Burri e ospitate a Palazzo del Duca di Senigallia, vengono raccontate le vicende artistiche e umane che hanno legato i due artisti. In mostra, un nucleo di fotografie dedicate da MarioGiacomelli a AlbertoBurri, relative ad una personale visione del paesaggio e della terra (in dialogo con la pittura Informale), oltre a lettere e documentazioni di archivio.

Giacomelli / Burri. Fotografia e immaginario materico
Palazzo del Duca
Fino al 26 settembre 2021
Piazza Del Duca, 1 Senigallia

5. UGO LA PIETRA ALLA FONDAZIONE ZIMEI

Ugo La Pietra, Abitare è essere ovunque a casa propria

La Fondazione Zimei dedica una personale a Ugo La Pietra, figura eclettica sempre sul confine tra i linguaggi che vanno dall’arte al design radicale, passando per l’architettura, noto per aver sviluppato fin dal ’62 un’attività tendente alla chiarificazione e definizione del rapporto “individuo-ambiente”. Si intitola, infatti, Abitare è essere ovunque a casa propria la mostra a cura di Massimiliano Scuderi, che si articola in una nutrita selezione di opere dell’artista e architetto che va dagli anni Settanta ai giorni nostri. Il percorso occupa anche il giardino della fondazione con Riappropriazione della città, il film presentato da La Pietra nel ’77 al Centre Pompidou di Parigi, e verrà proiettato ogni giorno dalle 21.

Ugo La Pietra – Abitare è essere ovunque a casa propria
Fino al 2 settembre 2021
Fondazione Zimei
Via Aspromonte 4, Montesilvano Colle
https://www.fondazionezimei.it/

6. STRAPERETANA 2021

Straperetana 2021

The New Abnormal è il titolo della quinta edizione del progetto ideato da Paola Capata e Delfo Durante a cura di Saverio Verini con la collaborazione di Matteo Fato, una mostra diffusa che si articola nei luoghi nascosti del territorio abruzzese. Edifici storici, vicoli, abitazioni dismesse sparse in tutta Pereto (in provincia di Pescara): sono gli spazi espositivi delle opere dei tanti artisti invitati, con lavori legati ai temi di metamorfosi e ibridazione, immagini stranianti e misteriose, forme non immediatamente identificabili, soglie da attraversare.

The New Abnormal, Straperetana 2021
Fino al 22 agosto 2021
Piazza Maccafani 5, Pereto
[email protected]
http://www.straperetana.org 

Giulia Ronchi

Giulia Ronchi è nata a Pesaro nel 1991. È laureata in Scienze dei Beni Culturali all’Università Cattolica di Milano e in Visual Cultures e Pratiche curatoriali presso l’Accademia di Brera. È stata tra i fondatori del gruppo curatoriale OUT44, organizzando mostre e workshop con artisti emergenti del panorama milanese. Ha curato il progetto Dissuasori Mobili, presso il festival di video arte “XXXFuoriFestival” di Pesaro. Ha collaborato con le riviste Exibart e Artslife, recensendo mostre e intervistando personalità di spicco dell’arte. Ha collaborato con le testate femminili Elle, Elle Decor, Marie Claire e il maschile Esquire scrivendo di arte, cultura, lifestyle, femminismo e storie di donne.



Source link

Redazione

Related post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: