Cancro al seno: come imparare a impastare il pane potrebbe salvarti la vita

 Cancro al seno: come imparare a impastare il pane potrebbe salvarti la vita


The Bread Exam è una fantastica campagna che aiuta ad affrontare i tabù culturali relativi alle parti intime del corpo e insegna, con una semplice ricetta del pane, ad eseguire autocontrolli e rilevare i primi segni di un cancro al seno.  

©Lebanese Breast Cancer Foundation

In alcune parti del mondo, come ad esempio nelle comunità tradizionali del Medio Oriente, parlare del corpo è ancora un tabù. Per questo motivo molte donne non solo non raggiungono il benessere sessuale, ma rischiano di essere vittime di una scarsa e non efficace cura della propria salute. I tabù culturali possono impedire alle donne di andare dal medico, condurre un autoesame o persino semplicemente discutere dell’argomento.

“The Bread Exam”, l’esame del pane in italiano, nasce per aiutare ad affrontare i tabù culturali relativi alle parti intime del proprio corpo insegnando alle donne come eseguire auto-controlli e rilevare i primi segni di cancro al seno attraverso un video travestito da tutorial per imparare ad impastare il pane.

La campagna – creata da McCann Paris – è stata all’inizio lanciata in Libano dalla Lebanese Breast Cancer Foundation, e la prima versione è stata realizzata con l’aiuto della chef Um Alim. Dal momento che non trasgredisce alcun tabù, la ricetta è stata condivisa liberamente sui social network ed è stata anche diffusa in modo più tradizionale su alcuni pacchetti di farina e involucri di pane, accompagnati da dimostrazioni nei supermercati.

“Per raggiungere le donne che affrontano questa situazione in Medio Oriente e non solo, volevamo evitare il tabù di parlare di parti intime del corpo o di esporle andando da specialisti della salute per un primo check-up. Dal momento che molte famiglie preparano il proprio pane e sono interessate a questo argomento – soprattutto ora, durante la pandemia di Covid 19 – abbiamo deciso di usare il pane da forno come eufemismo e parlare con le donne della cottura del pane invece di parlare di seno, autoesame o cancro”, ha dichiarato Mirna Hobballah della Fondazione libanese per il cancro al seno.

The Bread Exam ha avuto talmente tanto successo che poco dopo è arrivato anche in Europa. Infatti alcuni famosi influencer culinari, unendo le forze con le organizzazioni locali, hanno creato le loro proprie versioni in Turchia, Regno Unito e Germania, paesi con grandi comunità mediorientali.

“Nel Regno Unito circa un quarto dei casi di cancro al seno sono prevenibili grazie alla diagnosi precoce e allo screening. Purtroppo, rispetto alla media, la comunità mussulmana nel Regno Unito ha un tasso più basso di screening del seno. Le comunità di minoranze etniche hanno anche un tasso di sopravvivenza più scarso dopo la diagnosi di cancro al seno. “The Bread Exam” è uno strumento innovativo per aiutare ad affrontare queste disuguaglianze prendendo la nostra salute nelle nostre mani, imparando come monitorare i cambiamenti preoccupanti e quando cercare aiuto. Aumentando la consapevolezza del cancro al seno, contribuiremo a salvare vite umane”, ha dichiarato Salman Waqar, segretario generale della British Islamic Medical Association.

Ignorare il problema, imposizioni o divieti non aiuteranno a superare le barriere; creatività e benevolenza si dimostrano invece un binario vincente.  Non è un caso che, grazie alla sua intelligenza e all’accurata sensibilità, l’incredibile campagna ha ottenuto ben 11 leoni – tra oro, argento e bronzo – in diverse categorie dei Cannes Lions.

Una diagnosi precoce può salvare vite, khabazte? (hai sfornato il pane?) si legge alle fine del “tutorial” per ricordarci di controllarci regolarmente.

Seguici su Telegram | Instagram Facebook | TikTok | Youtube 

LEGGI anche:

L’articolo riprende studi pubblicati e raccomandazioni di istituzioni internazionali e/o di esperti. Non avanziamo pretese in ambito medico-scientifico e riportiamo i fatti così come sono. Le fonti sono indicate alla fine di ogni articolo





Source link

Redazione

Related post

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *

%d bloggers like this: